La Valdotaine

Le grappe della La Valdotaine.

La distilleria di montagna.

La purezza della montagna.

La Valdôtaine è una piccola distilleria di montagna dove i bellissimi alambicchi, in lucente rame lavorato a mano e dal respiro discontinuo, a singole cotte, distillano piccole quantità di spiriti unici, resi inimitabili dalle acque ricche di minerali, talvolta dal colore stupefacente, che dai monti precipitano a valle, fino alla distilleria.

Da questa filiera unica nel suo genere si producono grappe di eccezionale valore al territorio partendo dalle basi tipiche valdostane  e rese uniche dai mastri distillatori della “La Valdotaine”

  • Grappa di Blanc de Morgex; la vellutata.  500 ml – 42 % di alcool. Distillata a vapore diretto dalle vinacce del vitigno di Prié Blanc in piccoli alambicchi di rame discontinui.
    Il biotipo Blanc de Morgex è considerato vitigno autoctono della Valle d’Aosta dove è coltivato sulle pendici del monte Bianco sino a 1.200 metri di quota.
    Qui si mettono a dimora le viti originarie poiché la fillossera non ha mai intaccato questo vitigno guerriero che genera una Grappa di grande finezza, con intensi profumi di uve fresche, sapori eleganti, morbidi e piacevoli, tendenti alla mela renetta e all’ananas.
  • Grappa di Petit Rouge; la vigorosa. 500 ml – 48 % di alcool. Vitigno originario del Vallese potrebbe avere qualche legame con la “Vitis Helvola” citata da Plinio. Recenti studi ne farebbero un discendente di un vitigno autoctono della Valle d’Aosta, reintrodotto in Valle solo una cinquantina di anni fa. Coltivato presso Aymavilles tra 550 e 650 metri di quota, dalle sue vinacce distillate a vapore diretto in piccoli alambicchi di rame, si ottiene questa Grappa dal sapore fine ed aromatico, di rara freschezza con lievi profumi di fiori di montagna. Degustata fresca rafforza la finezza e l’eleganza del gusto.
  • Grappa di Torrette; la vigorosa. 500 ml – 43 % di alcool.  Il Torrette è il vino valdostano DOC prodotto in maggior quantità e nell’areale più ampio della Valle.
    Deriva da vitigni prevalentemente autoctoni quali Petit Rouge, Vien de Nus, Cornalin e Premetta, coltivati in vigneti posti fra i 600 e gli 800 metri di quota distribuiti tra dodici comuni, situati sia a destra sia a sinistra della Dora Baltea.
    Le vinacce, distillate in piccoli alambicchi di rame discontinui a vapore diretto, generano questa Grappa dal sapore secco e deciso con sentori di sottobosco ben amalgamati alla nota vanigliata e speziata apportata dall’affinamento.

enoteca Torino